Leggere l’intera Commedia in sette giorni: alla ricerca della cultura materiale dell’universo di Dante

Si legge in tanti modi diversi, come è ben noto: una molteplicità di stili, di situazioni, di gradi di attenzione, che vanno dalla concentrazione assoluta alla non-lettura. Ma l’idea di leggere in una settimana l’intera Commedia di Dante fa comunque colpo, soprattutto per chi a scuola l’ha letta, bene o male, un po’ alla volta, nei tre lunghi anni del liceo. 

I protagonisti dell’impresa sono dottorandi di Harvard, un piccolo gruppo di allievi del nostro consigliere Jeffrey Schnapp. Partiti per l’esplorazione del mondo materiale intorno alla Commedia, hanno scelto uno dei dieci temi assegnati: la strada (viaggio via terra), le imbarcazioni (viaggio via acqua), gli alberi, il suolo, le porte e i punti di passaggio, il sangue, il colore, il volo (viaggio via aria), il suono e gli specchi. 

Per ciascun tema, durante la lettura intensiva e accelerata dell’intero poema, hanno schedato i passaggi danteschi più pertinenti. E poi, nelle dodici settimane seguenti, ogni mercoledì hanno discusso, a distanza, sul “mondo delle cose” nella Commedia, guidati dal loro maestro. Prima di ogni incontro, hanno studiato una ricca letteratura: fonti medievali e bibliografia moderna, riferimenti ai testi e pagine a stampa, che l’Harvard College ha reso accessibili non solo per loro, ma per tutti i lettori.

Un giornale italiano, la “Gazzetta di Mantova”, ha seguito in diretta la sfida, o l’esperimento, raccontandoli in sette puntate, inquadrando l’insieme dell’operazione, e dando la parola a Schnapp (con Corrado Confalonieri): sette articoli preziosi, lucidissimi, nei quali l’avventura si trova riassunta e spiegata alla perfezione. Tra le celebrazioni del centenario dantesco, saremmo pronti a scommettere che questa è una delle più originali e delle più ricche di pensiero.

Camminare nel medioevo: facciamo archeologia della parola;

Le strade e le barche: una rilettura facendosi ispirare da Italo Calvino;

L’erotismo delle parole nuove e il pantano intorno a Mantova;

Lingua e visione del mondo. I dadi sono sempre da rilanciare;

Il colore è cultura e contesto. Andiamo a scoprire le tonalità;

La simpatia per chi sfida i limiti. Il volo: colpevole chi non ci prova;

Domande e risposte: il cammino ora procede nelle ricerche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.